Home » dicono di noi

dicono di noi

thermorossi ardhea cliente apecchio pu

thermorossi ardhea  cliente  apecchio pu - F.lli Parlanti  -  Italia

Dopo aver posseduto per circa 12 anni una stufa Thermorossi Class Calor 312/Ventilata, che ho rivenduto grazie all’ottimo stato di conservazione, ho deciso di passare a una termostufa a legna “idro” in quanto mi ero prefisso di scaldare l’intera abitazione continuando ad usare la legna come combustibile ma riuscendo a riscaldare anche le stanze più lontane dalla stufa, cosa che con la 312V ovviamente non era possibile ;
ho acquistato dunque una Thermorossi modello “ardhea (senza forno)” presso la rivendita “f.lli Parlanti sas, Cantiano(PU)”.
La mia è una casa isolata in aperta campagna molto esposta ai venti situata a circa 600 m s.l.m. nel comune di Apecchio (PU); la superficie dei vani da riscaldare è complessivamente di circa 135 mq (per circa 360 mc) e l’isolamento termico degli stessi lo definirei complessivamente discreto.
Il rivenditore, nella persona di Roberto Parlanti, offrendo sempre disponibilità e ottima competenza, mi ha aiutato non solo nella scelta del prodotto (dopo un attento sopralluogo), ma anche alle nella determinazione delle modalità di istallazione della macchina e collegamento all’impianto termico esistente.
In parole povere l’installazione è avvenuta usando un “idrokit Carinci 7cs” dotato di uno scambiatore termico a piastre e di due circolatori col quale abbiamo separato il circuito idrico primario (quello della Ardhea, realizzato a vaso aperto solo per esplicita indicazione dell’idraulico) da quello secondario (quello dei caloriferi esistente) ed interfacciato una caldaia a gas, esistente anch’essa, al sistema. Il tutto è “comandato” ovviamente da una centralina elettronica (carinci anch’essa).
I consumi della macchina pare (siamo appena entrati nel vero inverno) che vadano da 50 a 80 kg. di legna al giorno in funzione delle temperature esterne e dell’intensità del vento e la legna, la quale proviene dal mio bosco (cerro 90% e carpino 10%) ha le caratteristiche di stagionatura ottimali per ottenere un buon rendimento e non “rovinare” la stufa.
Possiedo dei radiatori in ghisa Idealclima (modello tema) con i quali ottengo la giusta temperatura tanto nel reparto “giorno” che in quello delle camere da letto.
I settaggi della centralina per le partenze dei circolatori dell’ ”idrokit” e le caratteristiche della canna fumaria fanno si che il tiraggio della stufa resti sempre buono e che la caldaia funzioni nel giusto range di temperatura, fatti rilevati personalmente anche dallo stesso Roberto.
Rilevo un solo fattore a mio avviso non trascurabile e che ritengo dover segnalare, provo a spiagarlo pur non essendo facile farlo per iscritto:
premesso che lo sportello della stufa ha una corretta tenuta stagna, il vetro dello sportello stesso si sporca in modo contenuto e dunque accettabile durante la giornata ma, in un punto ben preciso dello stesso, ovvero in alto a sinistra (in un area di circa 6 cm.quadrati) avviene un deposito di fuliggine ben superiore a quello che si manifesta sul resto del vetro e che continua per tutto il tempo di funzionamento della stufa ed a qualsiasi temperatura di funzionamento della stessa(condensazione dei fumi); lo stesso deposito si crea anche sulla superficie in acciaio che delimita in alto la “bocca di carico” della stufa, per l’esattezza nella parte subito dietro ai 6 cm. quadrati di vetro suddetti.
Probabilmente c’è poi un difetto nella cerniera superiore dello sportello di carico (forse nella ghisa dello stesso) che però non ne pregiudica chiusura e tenuta stagna, per ora lo ritengo trascurabile e non mi voglio soffermare a spiegare anche questo.
Sono complessivamente soddisfatto da ciò che ho acquistato/realizzato e se mi sono convinto a fare questo “passo” devo sicuramente ringraziare Roberto. Spero che la durata del tutto sia la più lunga possibile.

CAMINETTO VULCANO CLIENTE DI FABRIANO LOC. CA'MAIANO

CAMINETTO VULCANO CLIENTE DI FABRIANO LOC. CA'MAIANO - F.lli Parlanti  -  Italia

Salve Roberto,
Volevo ringraziarti ma sopratutto volevo farti sapere che con la centralina che abbiamo installato ha fatto diventare l'impianto efficentissimo.
L'abbinamento del termocamino della vulcano 25-1 con il puffer della cordivari eco-combi 3 da 600lt e' veramente perfetto.
Parto a fare l'avviamento il pomeriggio verso le 14 con un carico di legna che varia dai 20 a 25kg e, il mio unico pensiero e' di accenderlo a fiamma dall'alto perche' poi lavora esclusivamente da solo.
La cosa che mi ha colpito è che il ciclo dura circa 8 ore,dopo circa 30 min parte la pompa del circuito primario e incomincia a scaldare il puffer e dopo circa 1 ora e mezza già girano i termosifoni.
La cosa bella è che nell'arco di questo tempo la parte alta del puffer e' bollente e  consente di farti belle docce subito.
Adesso ti do dei riferimenti per darti un'idea dell'efficenza dell'impianto e di quanto la centralina che abbiamo messo ottimizza il tutto.
Appena faccio l'avviamento e arrivo a 55° la centralina della vulcano manda il segnale di fare partire la pompa ma se la centralina aggiuntiva sente una differenza di temperatura in negativo non la fa' partire,ho impostato il delta della pompa in fase di partenza di 2° sopra al puffer e in fase di raffreddamento a 1°,praticamente io mi ritrovo il puffer in continua crescita di calore  e la cosa assurda è che anche quando il camino è in spengimento la centralina gestisce la pompa e quindi continua a scaldare il puffer.
Per quanto riguarda i termosifoni ho impostato il termostato a 60° e girano quasi sempre,ti dico che casa è 110mq su 3 livelli e ha 7 radiatori e sono sempre bollenti,stiamo sui 22° dentro casa.
Adesso ti dico la vera chicca dell'impianto,ho visto che impostando il termostato del puffer che comanda i termosifoni a 65° io la mattina mi ritrovo  il puffer con la parte alta a 73° e la parte bassa a 63° e tutto questo mi permette di fare girare i termosifoni di casa a CAMINO SPENTO per circa 1.5 ore basta portare il termostato da 65° a 50° e il gioco è fatto.
Quasi dimenticavo,dopo 3 giorni di camino spento sono riuscito a farmi diverse docce. 
Ti ringrazio di tutto e ci sentiamo per integrare all'impianto il pannello solare.
Cordiali saluti
Accettone Dino

F.lli Parlanti  -  Italia